Prato di Campoli
Area Naturalistica del Comune di Veroli
© 2018 - Prato di Campoli - Veroli - Gestione «Compagnia dei Viandanti» - info@pratodicampoli.it

Prato di Campoli

La Morfologia

L'altopiano di Prato di Campoli si sviluppa in lunghezza per circa 3,5 km, secondo un'asse longitudinale disposto secondo nordest-sudovest; è perimetrato da una serie di rilievi calcarei giurassico cretacei aventi quote variabili ed attestantisi mediamente intorno i 1.750 mt. s.l.m. (la cima più elevata è a nord-nordovest rispetto a prato di Campoli ed è rappresentata da Monte Passeggio 2.064 mt.) la quota media dell'altopiano è di 1.110 mt. s.l.m. L'area appartiene alla zona geologicamente riferibile alla piattaforma Laziale-abruzzese, in essa predominano le formazioni carbonatiche e calcareo-dolomitiche e subordinatamente i depositi torbiditici miocenici; la serie dei terreni parte dai più antichi, triassici, costituiti da dolomie e calcari che proseguono sino al Lias ed al Giurassico con caratteristiche geolitologiche del tutto simili. Il Cretacico comincia ad essere rappresentato con un piano fossilifero calcareo; anche le formazioni cretaciche sono rappresentate da calcari e dolomie; le tracce fossili sono molto più evidenti rispetto ai terreni più antichi (rudiste e gasteropodi). I lineamenti tettonici diffusi nell'area sono riferibili essenzialmente a fratture e secondariamente ad altri motivi tettonici. Le faglie presenti risentono dei lineamenti della tettonica dell'intera penisola italiana, infatti sono riconoscibili due sistemi di faglie, una con prevalente direzione NW-SE (ed è l'allineamento dello sviluppo longitudinale della piana di Prato di Campoli), direzione parallela all'asse Appenninico; il secondo sistema, secondario, è perpendicolare al primo, è evidente nella valle tettonica presente poco più a nord, la Valle Roveto. GEOLOGIA Nell`area che definisce Prato di Campoli si possono rinvenire le seguenti formazioni geologiche, per la distribuzione areale si consultino la carta geologica d'Italia in scala 1:100.000 IDROGEOLOGIA L'area compresa all'interno del territorio del comune di Veroli e le zone immediatamente limitrofe, appartiene all'unità idrogeologica dei Monti Simbruini, Monti Ernici, Monte Caira, e nel suo ambito occupa parte della porzione nordoccidentale. Le sorgenti principali scaturiscono dai calcari e dalle dolomie, le sorgenti minori si rinvengono negli altri terreni. FORMAZIONE DEI CALCARI (CRETACICO) Tale formazione litoide è caratteristica di gran parte dell'Appennino centrale, nella nostra zona interessa alcuni dei rilievi più elevati, in strati di spessore variabile da pochi cm. sino a 10. Il colore dei calcari(rinvenibili spesso in affioramento) varia dal grigio avana al grigio scuro; è generalmente interessata da fenomeni carsici, rilevanti nell'area nord, a tratti sono presenti lembi di terre rosse frammisti a brecciame calcareo. FORMAZIONE DEI CALCARI (GIURASSICO) Tale formazione litoide è caratteristica di gran parte delle aree elevate ed è contraddistinta da un'alternanza di orizzonti calcarei dolomitici grigi e giallastri, calcari compatti e ceroidi. La formazione è coperta spesso da uno strato di suolo (terre rosse). Il colore dei calcari varia dal grigio avana al grigio. FORMAZIONE DELLA TERRA ROSSA (PLEISTOCENE) Tale formazione oltre che rappresentativa della piana di Prato di Campoli, è caratteristica di gran parte dell'Appennino centrale; spesso rinvenibile al tetto delle formazioni carbonatiche e come materiale di colmata di depressioni topografiche; è originata dall'alterazione chimico-fisica delle sottostanti formazioni  carbonatiche, nella fattispecie rappresenta sia l'alterazione delle formazioni calcaree giurassiche e cretaciche, sia l'alterazione dei depositi delle alluvioni terrazzate presenti in alcune plaghe delle aree esaminate. Il colore è tipico ed è il rosso brunastro, granulometricamente trattasi di limi ed argille sabbiose con orizzonti più grossolani ed elementi guiaiosi perlopiù calcarei. Testo tratto da "Prato di Campoli" 2002, Dott. Marco Papetti
Gestione «Compagnia dei Viandanti»
Prato di Campoli Gestione «Compagnia dei Viandanti»
Area Naturalistica del Comune di Veroli
© 2018 - Prato di Campoli - Veroli - Gestione «Compagnia dei Viandanti» - info@pratodicampoli.it

Prato di Campoli

La Morfologia

L'altopiano di Prato di Campoli si sviluppa in lunghezza per circa 3,5 km, secondo un'asse longitudinale disposto secondo nordest-sudovest; è perimetrato da una serie di rilievi calcarei giurassico cretacei aventi quote variabili ed attestantisi mediamente intorno i 1.750 mt. s.l.m. (la cima più elevata è a nord-nordovest rispetto a prato di Campoli ed è rappresentata da Monte Passeggio 2.064 mt.) la quota media dell'altopiano è di 1.110 mt. s.l.m. L'area appartiene alla zona geologicamente riferibile alla piattaforma Laziale-abruzzese, in essa predominano le formazioni carbonatiche e calcareo-dolomitiche e subordinatamente i depositi torbiditici miocenici; la serie dei terreni parte dai più antichi, triassici, costituiti da dolomie e calcari che proseguono sino al Lias ed al Giurassico con caratteristiche geolitologiche del tutto simili. Il Cretacico comincia ad essere rappresentato con un piano fossilifero calcareo; anche le formazioni cretaciche sono rappresentate da calcari e dolomie; le tracce fossili sono molto più evidenti rispetto ai terreni più antichi (rudiste e gasteropodi). I lineamenti tettonici diffusi nell'area sono riferibili essenzialmente a fratture e secondariamente ad altri motivi tettonici. Le faglie presenti risentono dei lineamenti della tettonica dell'intera penisola italiana, infatti sono riconoscibili due sistemi di faglie, una con prevalente direzione NW-SE (ed è l'allineamento dello sviluppo longitudinale della piana di Prato di Campoli), direzione parallela all'asse Appenninico; il secondo sistema, secondario, è perpendicolare al primo, è evidente nella valle tettonica presente poco più a nord, la Valle Roveto. GEOLOGIA Nell`area che definisce Prato di Campoli si possono rinvenire le seguenti formazioni geologiche, per la distribuzione areale si consultino la carta geologica d'Italia in scala 1:100.000 IDROGEOLOGIA L'area compresa all'interno del territorio del comune di Veroli e le zone immediatamente limitrofe, appartiene all'unità idrogeologica dei Monti Simbruini, Monti Ernici, Monte Caira, e nel suo ambito occupa parte della porzione nordoccidentale. Le sorgenti principali scaturiscono dai calcari e dalle dolomie, le sorgenti minori si rinvengono negli altri terreni. FORMAZIONE DEI CALCARI (CRETACICO) Tale formazione litoide è caratteristica di gran parte dell'Appennino centrale, nella nostra zona interessa alcuni dei rilievi più elevati, in strati di spessore variabile da pochi cm. sino a 10. Il colore dei calcari(rinvenibili spesso in affioramento) varia dal grigio avana al grigio scuro; è generalmente interessata da fenomeni carsici, rilevanti nell'area nord, a tratti sono presenti lembi di terre rosse frammisti a brecciame calcareo. FORMAZIONE DEI CALCARI (GIURASSICO) Tale formazione litoide è caratteristica di gran parte delle aree elevate ed è contraddistinta da un'alternanza di orizzonti calcarei dolomitici grigi e giallastri, calcari compatti e ceroidi. La formazione è coperta spesso da uno strato di suolo (terre rosse). Il colore dei calcari varia dal grigio avana al grigio. FORMAZIONE DELLA TERRA ROSSA (PLEISTOCENE) Tale formazione oltre che rappresentativa della piana di Prato di Campoli, è caratteristica di gran parte dell'Appennino centrale; spesso rinvenibile al tetto delle formazioni carbonatiche e come materiale di colmata di depressioni topografiche; è originata dall'alterazione chimico-fisica delle sottostanti formazioni  carbonatiche, nella fattispecie rappresenta sia l'alterazione delle formazioni calcaree giurassiche e cretaciche, sia l'alterazione dei depositi delle alluvioni terrazzate presenti in alcune plaghe delle aree esaminate. Il colore è tipico ed è il rosso brunastro, granulometricamente trattasi di limi ed argille sabbiose con orizzonti più grossolani ed elementi guiaiosi perlopiù calcarei. Testo tratto da "Prato di Campoli" 2002, Dott. Marco Papetti